Non posso ricordare il futuro

La rabbia per la poca considerazione, la serenità del gioco in solitaria, la felicità dei pomeriggi a correre e a giocare a guardie e ladri, la vergogna dei propri sentimenti, lo smarrimento della solitudine, la disperazione dell’adolescenza, il timore della diversità e la voglia di essere omologati.

Queste sensazioni sono ancora vive nella pelle.

Ma non posso ricordare il futuro. Nella pelle le sensazioni degli anziani non ci sono, non le trovo.

Quando nei miei figli, nei loro occhi, scorgo la timidezza, il timore, la paura, la gioia, la leggerezza, senza sforzo affiora la stessa sensazione di me bambina: li capisco perché io sono stata come loro.

Quando nei miei genitori vedo la lentezza, la ripetizione, la paura, l’orizzonte vicino troppo vicino, mi sforzo e cerco la stessa sensazione che però non trovo, non riesco: non posso capire che cosa significa essere anziani perché io non sono stata anziana.

Se ci ascoltiamo attentamente, sappiamo istintivamente che cosa vuol dire essere bambini e come fare ad andare incontro ai nostri figli: lo siamo stati prima noi e questo non va mai perso. E’ possibile immedesimarsi in qualcosa che si conosce.

Ma nonostante possiamo immaginare e osservare, non possiamo sapere d’istinto come andare incontro alle persone anziane: dentro di noi non c’è, ancora. Non è possibile immedesimarsi in qualcosa di mai provato.

E mi sforzo di arrivarci con la ragione, ma questa oltre un certo limite fallisce.

Nessun giovane adulto può avere dentro di sé l’emozione della vecchiaia da utilizzare per la compassione, per la comprensione, per la comunione: non si può essere cum, si può solo cercare di esserci.

Ma questo lo sento come un grande limite, grandissimo. Non poter aiutare qualcuno nei suoi ultimi anni come si aiutano altri nei loro primi anni, che avrebbe la stessa identica importanza.

Informazioni su ogginientedinuovo

Quando una donna si sveglia, le montagne si muovono Proverbio cinese
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...