Ciao! Mi chiamo Ogginientedinuovo e da due anni non compro giocattoli

Ieri pomeriggio ho costeggiato in macchina il grande magazzino che vende solo giocattoli, l’enorme agglomerato totem del consumo fin dalla più tenera età, quello che si vede da lontano con la sua insegna colorata, quello che per i bambini è il paese di Bengodi.

E all’improvviso mi è balenato un pensiero: è tanto, tantissimo tempo che non ci metto piede!

E all’improvviso ho capito che sono fuori dal tunnel! Non devo più sobbarcarmi sessioni deliranti tra le corsie, spulciare tra gli scaffali, convincere i bambini.

I miei figli hanno scavallato, anche il più giovane! Niente più Gormiti, peluche, Lego, macchinine, Barbie, cucinette e passeggini! Nada, nichts, rien, nothing.

Questo grande magazzino può essere cancellato dalla mia mappa mentale, può scomparire inghiottito dalla balena di Pinocchio, può accendere i razzi propulsori e partire per Marte, non mi serve più!

E sono così felice: non potete capire che cosa voleva dire entrare a cercare qualche gioco che avrei voluto davvero divertente e trovare file e file di giochi tutti uguali nel concetto, grandi piccoli grassi magri blu gialli, ma assolutamente tutti uguali. Giochi in scatola con i faccioni di CarloConti o JerryScotti. Bambole sempre quelle dall’ultima glaciazione. E soprattutto mostri mostri mostri in tutte le salse.

Puf!

L’Hamleys dei poveri, beati noi!

Ma ora ufficialmente posso dichiarare con grande sollievo: – Ne sono fuori!

Informazioni su ogginientedinuovo

Quando una donna si sveglia, le montagne si muovono Proverbio cinese
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Ciao! Mi chiamo Ogginientedinuovo e da due anni non compro giocattoli

  1. luna ha detto:

    Ciao cara…
    Passo per un saluto!
    Luna

  2. Maurizio Vagnozzi ha detto:

    Si, sei fuori il “livello 2” del videogioco “VITA”: occhio che ci sono almeno altri 3 livelli, il “teenager” e il “maturità” che io ho passato con discreto punteggio, e adesso sono all’ “inizio università” che mi sembra nuovo e complesso, con la variante “sto facendo la patente” ….

  3. ogginientedinuovo ha detto:

    Son contenta perché ‘sto “livello 2”, spalmato su due figli, sembrava infinito! So quindi a chi rivolgermi per carpire i segreti per passare i prossimi livelli! Non so, qual è il più tosto?
    Inizio Uni insieme con patente mi sembra challenging, più per i genitori che per i ragazzi…

    • Maurizio Vagnozzi ha detto:

      Si, il livello Uni+Patente è challenging: poi hai le sfide speciali che possono bloccarti per il passaggio allo stadio successivo, con il contesto “il mio ragazzo”, “non posso portare fuori il cane che mi devo piastrare i capelli” e “tu non capisci perchè ai tuoi tempi era differente”. Se vuoi ti posso spiegare come usare l’arma speciale “riga dritta o ti do una pedata nel culo”, poco montessoriana ma molto educativa …

  4. ogginientedinuovo ha detto:

    Credo che l’arma speciale verrà usata spesso e volentieri durante i passaggi più impegnativi dei livelli a venire, anche perché, come sempre, ogni livello lo devo spalmare su due figli consecutivi. E’ tutto diluito, come il vino allungato con l’acqua e in qualche modo dovrò sopravvivere.

  5. linda ha detto:

    dio che bello quel che scrivi; l’incubo dei giocattoli in serie è finito anche per me! So che benessere si prova e concordo su tutta la linea.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...