Nr. 8 – La macchina fotografica

La macchina fotografica mi è necessaria da tantissimi anni.

Esattamente dal giorno di Pasquetta del 1976, quando il mio papà portò la mamma e me a Milano, in gita; la gita di famiglia era un evento più unico che raro e mi preparai facendo un’unica richiesta: poter usare io la macchina fotografica.

Era una Kodak Instamatic che produceva fotografie quadrate.

Lo ricordo come se fosse ieri: me ne andavo in giro per Milano con mamma e papà, fotografando ogni stupidaggine, in cima al Duomo a vedere il panorama, intorno al Castello Sforzesco, su un vecchio tram…

Una giornata bellissima.

Poi quel disgraziato del fotografo “bruciò” il rullino e non ebbi nessun ricordo della gita!

Ma mi è rimasta la necessità di avere tra le mani una macchina fotografica quando mi muovo. La necessità di guardare il mondo attraverso un obbiettivo. La necessità di fermare la vita nel momento che scelgo io, premendo un pulsante.

Annunci

Informazioni su ogginientedinuovo

Quando una donna si sveglia, le montagne si muovono Proverbio cinese
Questa voce è stata pubblicata in 99 necessità, Mente&Corpo e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Nr. 8 – La macchina fotografica

  1. Maurizio Vagnozzi ha detto:

    Per me fotografare significa vivere: non esco mai di casa senza una macchina fotografica ….

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Sarei in quella fase anch’io. Sto aspettando di poter acquistare una reflex digitale dignitosa per farlo. Con la digitale compatta che ho ora mi rattristo e la reflex analogica è rotta… Verrà un giorno! Buona domenica 🙂

      • Maurizio Vagnozzi ha detto:

        Suggerimento: lascia perdere la reflex, ci sono adesso delle mirror-less o telemetro eccellenti, molto più maneggevoli di una reflex, con una bella selezione di diverse ottiche e una qualitá da applauso. Fai un giro sul sito degli amici di newold camera ….

  2. lullina76 ha detto:

    La macchina fotografica….amore e odio….ma guai se non ci fosse! E’ l’unico modo per fermare quegli attimi…..non torneranno mai più….

  3. linda ha detto:

    Fissare i ricordi e farlo in un modo che è del tutto personale e non scontato. Trovo che questa sia poesia, concordo.

  4. Anch’io amo fare foto in ogni momento, è un modo per ricordarsi di un attimo che altrimenti andrebbe perso nei meandri della nostra memoria. Mi piacerebbe imparare a fare delle vere fotografie, con una bella macchina fotografica (e non quella compatta da quattro soldi che attualmente possiedo). Chissà…magari un giorno riuscirò a trovare il tempo per dedicarmi ad un corso di fotografia, perché no?!

  5. gattolona ha detto:

    Io purtroppo non so fotografare, ma amo ed apprezzo le belle fotografie. Però vanitosa e fabianocentrica com’ero amavo farmi fotografare: credo che tanti anni fa il mio viso avesse invaso le vetrine dei fotografi di mezza Reggio Emilia. ” Questa ragazzina ha un viso da bambola di bisquit” dicevano, perciò mi cercavano fotografi e sarte per indossare abiti da sposa oggi per me inguardabili, cioè a meringa o abiti bomboniera tipici comunque, di quegli anni ottanta e per quel viso particolare e rotondo, sopraciglia arcuate che non necessitavano di trucco, bocca carnosa originale non rifatta con silicone, naso diritto all’insu’. Insomma per dirla breve e non pavoneggiarmi, non avrebbe senso oggi, dopo trent’anni rimpiangermi, ero veramente da fotografare…Poi il tempo passa e a volte è inclemente, ma io sotto questo profilo per ora non mi posso certo lamentare. Fabiana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...