Mina

So che se ne parla: i racconti non vendono, almeno in Italia, pare. A me piacciono, non tutti indiscriminatamente, ma molti sì: E.T.A. Hoffman, H. von Kleist, per dire.

Munro non l’ho apprezzata, ma non perché scrive racconti, piuttosto per l’atmosfera delle storie.

Incuriosita da tutto ciò, ho letto in rete scritti su un autore italiano Paolo Cognetti, che piace molto, che molti consigliano di leggere, che fa apprezzare il racconto come genere.

Una cosa piccola che sta per esplodere
di Paolo Cognetti
edizioni Minimum Fax

è una raccolta bellissima di cinque racconti che girano intorno agli adolescenti, ai loro mondi, infiniti e sfaccettati, alle loro paure, alla loro forza.

Non ci sono parole di troppo, non c’è indulgenza bonaria, non c’è supponenza, non c’è nemmeno eccessiva partecipazione dall’interno: c’è misura e c’è cura e c’è conoscenza e c’è amore.

Un invito alla lettura attraverso le parole dell’autore

«La letteratura è diversa. E’ la vita che non ha senso, mi capisci? La gente scrive delle storie per dargliene uno».

E Mina si considera fortunata: sono pochi quelli che possono restituire qualcosa di quanto hanno ricevuto.

(…) il fatto di essere lì, (…) mi aiuta a credere in una soluzione. E’ una forma di fiducia che la vita non si è ancora occupata di demolire: c’è almeno un posto sicuro al mondo, i genitori non muoiono mai, e le cose resteranno come sono sempre state.

(…) per le donne come mia madre la vita è un percorso di miglioramento, che forse comprende la sicurezza economica, i traslochi da una casa più piccola a una più grande, la carta di credito per fare la spesa e le bollette addebitate in banca, ma soprattutto crescere, imparare dagli errori, diventare più saggi. E gli uomini come mio padre, con la loro ossessione dell’eterna giovinezza, questa cosa non la capiranno mai.

I personaggi rimangono dentro, a lungo e ci si domanda se qualcuno di loro diventerà come noi o se noi abbiamo nascosti giù, giù, Mina e Pietro…

Annunci

Informazioni su ogginientedinuovo

Quando una donna si sveglia, le montagne si muovono Proverbio cinese
Questa voce è stata pubblicata in Leggiamo! e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Mina

  1. umanoidipazzoidi ha detto:

    Purtroppo hai ragione!…… Ma è bello sapere che non tutti sono così e che qualcuno i racconti li adora! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...