La merenda

Lo so: c’è tutta una scuola di pensiero che la aborre. Rovina l’appetito che va sapientemente accumulato per la cena.

Io invece la caldeggio, la suggerisco e la permetto in qualsiasi forma. D’inverno sono io a proporre la cioccolata…

Non c’è bambino senza merenda e, per me, non c’è mamma senza merenda.

Me la ricordo la merenda di quando ero bambina: arrivavo dalla mia mamma dicendo: – Ho fame! e la mamma mi preparava qualcosa, magari pane e nutella. E’ uno dei miei ricordi più dolci: avevo bisogno di fermarmi, di mangiare qualcosa, di spezzare un pomeriggio di studio oppure un pomeriggio noioso, magari avevo bisogno di interrompere un gioco che era arrivato ad uno stallo, e la mamma era lì, per me.

Non è tanto per quello che si mangia, ma è per il momento in sé, per il fatto che c’è qualcuno che per cinque minuti si prende cura di te, in mezzo a tutto, ai giochi, allo studio, alle letture. Cinque minuti a farsi fare le coccole.

Adesso che io sono grande e i miei ragazzi sono cresciuti, non c’è più bisogno che sia la mamma a preparare, ma rimane il desiderio di prendersi cinque minuti.

Poi si può ricominciare.

E se a cena si ha un po’ meno appetito, non importa… Per me la merenda, “numero uno” (cit.)!

Annunci

Informazioni su ogginientedinuovo

Quando una donna si sveglia, le montagne si muovono Proverbio cinese
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a La merenda

  1. gattolona pasticciona ha detto:

    Io sono d’accordo con le due merende di metà mattina e di metà pomeriggio, sono importanti proprio per non arrivare affamati e svuotare il frigo a pranzo e a cena. oltre che ad essere un momento piacevole di pausa tra un’incombenza e l’altra. A scuola da Alice Aurora è iniziato da ieri il progetto “Frutta nelle scuole” e in giorni prestabiliti si invitano i genitori a non dare le merende in cartella ma sono gli insegnanti che forniscono la frutta! Peccato che a mia figlia a parte le fragole non piaccia nessun tipo di frutta, oggi per esempio compie 9 anni e le ho dato una ciambella fatta da me per tutta la classe! un dolce sano, genuino, semplice ma che piace sempre molto. Tra poco la faccio anch’io: una mela, crackers senza sale e un caffè senza zucchero! Un abbraccio, fabiana.

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Anche noi facciamo lo spuntino alla mattina e la merenda al pomeriggio, insomma… mangiamo in continuazione!
      Il progetto “Frutta nelle scuole” è molto bello: così forse i bambini si abituano a mangiare la frutta 🙂

  2. Primula ha detto:

    W la merenda! Alcuni dietologi consigliano proprio lo spuntino a metà mattina e metà pomeriggio.
    Mai hai ragione. Non è la merenda in sé, è il momento. Ricordo le merende che da bambina mi preparava la mia mamma. In inverno era una tazza di cioccolata calda fatta da lei facendo fondere il cioccolato, poi si sedeva accanto a mio fratello e a me … Bei ricordi.
    Io non ho figli, ma con mio marito, quando abbiamo tempo, ci concediamo la pausa-merenda.
    Buon pomeriggio 🙂
    Primula

  3. Maurizio Vagnozzi ha detto:

    Le merende vanno istituzionalizzate, concordo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...