Vedo le cose sempre a rovescio

Qualche giorno fa ho sentito parlare di Peter Pan e, ancora una volta, mi sono sentita a disagio: a me Peter Pan non piace.

La maestra d’asilo de La Filosofa le disse di conservare sempre il film Peter Pan della Disney e di riguardarlo ogni tanto, per non dimenticare mai di essere sempre anche una bambina: è molto bello questo, ma devo dire che a me la figura di Peter Pan non fa questo effetto.

Peter Pan mi è antipatico, anche quello del film. Che cos’ha di affascinante? Che cosa c’è di affascinante nel ripetersi senza tempo del gioco infinito? Che cosa c’è di affascinante nel carattere bizzoso di questo ragazzino testardo e sciocco?

Sarò l’unica che non ama questo personaggio, ma l’idea di tanti Peter Pan nel mondo non mi piace. Per me non è lui il modello.

E’ Wendy la persona che riesce a vivere e a crescere intorno ad un cuore rimasto puro, rimasto bambino; però appunto cresce intorno a questo cuore, non si fossilizza lì dentro.

Rimanere fissi e immobili nell’infanzia non è un pregio, conservarne la luce è un pregio, ma sono cose diverse. Perché si continua a considerare Peter Pan un simbolo positivo?

Quando ho azzardato a dirlo ad altri, sono stata guardata male: tutti sorridono all’idea di riuscire a rimanere bambini, sorridono a Peter Pan non a Wendy.

Sentitevi liberi di darmi della pazza, delicatamente 🙂

Annunci

Informazioni su ogginientedinuovo

Quando una donna si sveglia, le montagne si muovono Proverbio cinese
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

19 risposte a Vedo le cose sempre a rovescio

  1. vagoneidiota ha detto:

    Delicatamente, piuttosto, ti dico che è grazie alla tua semplicità di espressione che trovo sempre bello leggerti.

  2. Nuzk ha detto:

    Non sei sola…neppure a me piace Peter Pan! A volte..spesso…il concetto di rimanere “bambini dentro” ad alcuni serve per giustificare comportamenti da quindicenni in adulti ultraquarantenni. 😉

  3. Ma Bohème ha detto:

    Sinceramente l’espressione “eterno Peter Pan” ha in genere un’accezione negativa. Almeno io l’ho sempre intesa così. Mantenere uno spirito da “fanciullo” è una cosa, significa essere capaci di entusiasmo e stupore anche in età più adulta; altro è rimanere “bambino” che può sfociare in un’eterna e superficiale fanciullezza. Concordo con Nuzk.
    Quindi non posso darti della pazza, nemmeno delicatamente. 😀
    Buona giornata carissima
    Primula

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Infatti esiste la sindrome di Peter Pan ed essendo una sindrome non è proprio positiva… però questa storia viene proposta ai bambini come storia positiva: oddio, niente di che, è una storia di avventura anche, è allegra eccetera, però ecco insomma Peter Pan come modello in questo senso, proprio non mi piace!
      E son contenta di non essere considerata strana proprio da tutti 🙂
      Buona giornata a te!

  4. gattolona pasticciona ha detto:

    Hanno coniato poi la frase “rimanere degli eterni Peter Pan, inostri Brunetta e Padoa Schioppa, rivolgendosi poco delicatamente, ma molto sinceramente ai bamboccioni, ragazzi e ragazze adulti che continuano a fare “gli sdraiati” sul divano (v. libro di M. Serra) e a farsi mantenere dai genitori sino a sessant’anni. Ricordare la fanciullezza è senz’altro positivo, farsi sù le maniche quando è ora è tutt’altra faccenda. Sei sempre di buon gusto quando scrivi e lo fai con garbo ed intelligenza!Faby.

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Grazie carissima 🙂
      Insomma, mi par di intuire che non a tutti sia simpatico il personaggio di Peter Pan in sé e quindi c’è ancora speranza di avere adulti-adulti e non eterni bambini 😉

  5. unsassoverticale ha detto:

    E che dire di tutta quella corte di ragazze che nel cartone si fa prendere per i fondelli da quel piacione ruffiano? Naa! Molto meglio Aladdin, per citare il primo che mi viene in mente, o la Bestia della Bella e la Bestia, o Romeo degli Aristogatti… Ah ah ah c’ho l’animo romantico!

  6. ergatto ha detto:

    mai piaciuto… mi sembra un ritardato mentale !!!! :)))

  7. Maurizio Vagnozzi ha detto:

    Io il Peter Pan non l’ho mai potuto tollerare …..

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Comincio a preoccuparmi: quando parlo con qualcuno qua nelle mie lande, io la penso sempre a rovescio e vengo guardata male, qui invece a volte non risulto strana.
      Tutti strani nel web o tutti strani qua nelle mie lande?
      Mi sento confortata su Peter Pan, molto 🙂

  8. Ho sempre preferito altro a Peter Pan …e se devo dirtela tutta manco ricordo la sua storia

  9. Bisus ha detto:

    Io ho sempre pensato di amare Peter, ma ultimamente mi sono resa conto che mi è capitato diverse volte di dare del Peter Pan a delle persone, non intendendo affatto far loro un complimento. Sarà che in fondo sta antipatico anche a me?

    • ogginientedinuovo ha detto:

      E’ che forse il personaggio di Peter Pan, originariamente, non era inteso essere un personaggio così positivo come poi in effetti è passato ad essere.
      Magari è il Mito in sé che a tanti piace, ma il personaggio in sé, fuori dal Mito, non mi sembra così accattivante 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...