Maggio: Diego De Silva

Quinto mese, quinto libro di autori italiani.

Mancarsi
di Diego De Silva, edizioni Einaudi

Un romanzo breve, diverso nel registro rispetto agli altri libri che ho letto di De Silva.

Bello. Intenso. Essenziale. Vero. Con un punto di vista femminile credibile benché pensato da un uomo.

Non le piace litigare, e meno ancora vincere.

C’era qualcosa di miserevole nel dilapidare la libertà.

E’ come incarnarsi in Liv Ullmann in un remake di Scene da un matrimonio girato da Topolino.

Ogni volta che abbiamo cercato di parlare (…) ci siamo allontanati un po’ di più.

(…) il problema, quando ce l’hai con te stesso per qualcosa che avresti potuto evitare e invece hai fatto, è che non puoi cambiare stanza, metterti il muso o perderti di vista per un po’.

De Silva cambia registro con scioltezza, senza tentennamenti nel suo scrivere. Mi piace.

Annunci

Informazioni su ogginientedinuovo

Quando una donna si sveglia, le montagne si muovono Proverbio cinese
Questa voce è stata pubblicata in Leggiamo! e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Maggio: Diego De Silva

  1. Nuzk ha detto:

    Grazie per il link al mio sito che hai inserito nel tuo post di ieri :)Buona giornataNuzk

  2. Ma Bohème ha detto:

    Non ho ancora letto nulla di Diego de Silva. Seguirò il tuo consiglio, magari mi riconcilio con la narrativa italiana recente che di questi tempi, salvo rari casi, mi sta un po’ deludendo.
    Grazie 🙂
    Buona giornata e consueto abbraccio :-*
    Primula

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Purtroppo io non sono molto brava ad “analizzare” i testi e quindi non saprei dire se un autore è bravo, innovativo o chennesò… non trovo neanche le parole 😉
      A volte leggo storie che non mi piacciono, ma non sempre so spiegare a che cosa è dovuto, lo stile? il registro? la traduzione? la storia in sé?
      Quello che ho letto da gennaio ad oggi, devo dire, mi è piaciuto; magari sono libri che non rimarranno nella storia della letteratura, però li ho letti con gusto, senza fatica, curiosa di arrivare all’ultima pagina, e non è poco!
      Una storia di un’autrice giovane italiana mi aveva invece scocciata soprattutto perché sembrava scritta senza cura, eppure aveva avuto un grande successo… La storia in sé era un giallo con contorni rosa, già visto decinaia e decinaia di volte 😉 … eppure aveva avuto un grande successo.
      O sono io a capire troppo poco, o magari gli editori potrebbero selezionare diversamente, che dici?
      Comunque De Silva provalo, uno di Malinconico e questo, diversi ma godibili, secondo me!
      Poi mi farebbe piacere sapere che cosa ne pensi 🙂 così magari imparo un po’ ad “analizzare” i libri…

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Scusa, eh! ma il consueto abbraccio lo voglio ricambiare! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...