Soldi pubblici

La mia mamma soffre di varie e invalidanti patologie. Il suo medico di base, visto il quadro generale, ha inoltrato la richiesta per ottenere quello che viene comunemente definito “l’accompagnamento”, cioé un aiuto monetario che lo Stato eroga a pazienti con salute compromessa al punto da necessitare di accudimento continuo.

Qualche giorno fa ho accompagnato la mia mamma alla visita fissata con la commissione di medicina legale che doveva valutare la pratica.

L’appuntamento era per le 14:00, la mia mamma è stata chiamata alle 15:10, si è seduta davanti alla commissione medica: 4 medici e 2 infermiere che avevano aperta davanti una cartelletta in cui c’erano le fotocopie dei documenti che avevo dato ad una delle infermiere all’arrivo, tranne i documenti dell’invalidità (cieco civile) perché essendo cosa di quell’ambulatorio l’infermiera aveva detto: – Ce l’abbiamo.

Dopo 3 domande del put, a cui la mia mamma ha risposto dormendo in piedi (la mia mamma è imbottita di psicofarmaci, e si vede), una delle tre dottoresse mi dice: – Mah, sembra peggiorata dalle ultime diagnosi, con questa documentazione siete penalizzati… E’ meglio fare altri esami di tipo cognitivo. Il dottore mi dice: – Mah, deve fare richiesta per l’invalidità di cecità!

Io avevo un fanculo sulla punta della lingua, ma per fortuna, le labbra non mi si sono aperte!

Dico al dottore: – La mia mamma è già stata dichiarata cieco civile, è invalida… Mi hanno detto che la pratica l’avete… (aver informatizzato e messo in rete tutti i medici della città e della provincia e tutti gli ospedali e tutti i santi del paradiso, ma a che cosa è servito?)

Dico alla dottoressa: – C’è già un referto della psicologa del centro per i disturbi cognitivi, è nella cartella clinica in rete, a me il cartaceo non l’hanno mai dato… (aver informatizzato e messo in rete tutti i medici della città e della provincia e tutti gli ospedali e tutti i santi del paradiso, ma a che cosa è servito?)

A questo punto, una delle infermiere ha capito che mi stavo alterando e mi si è avvicinata dicendomi: – Così siete penalizzati! Faccia gli accertamenti ulteriori… Ho risposto: – Per carità, li farò, ma io sono stufa marcia di scontrarmi con queste cose. La paziente è qui, 4 medici la vedono, vedono in che condizioni è… in teoria la stanno visitando!

E tenetevi forte per la risposta: – Sì, i medici la vedono, ma poi all’INPS arrivano solo i referti e quindi rischiate…

Avete capito? Avete capito che fine fanno i soldi dei contribuenti?

Se 4 medici e 2 infermiere (che forse qualcuno di voi mi può quantificare quanto costano a giornata…) non possono certificare le condizoni di salute di un paziente, se l’INPS non crede alle certificazioni di 4 medici e 2 infermiere, perché ‘zzo esiste questa commissione?

Perché ‘zzo non reperiscono le cartelle cliniche in rete dove c’è tutto, perché ‘zzo non contattano il medico che segue le patologie invalidanti, perché?

E poi si tagliano le prestazioni, si chiudono gli ospedali e si aumentano i ticket. Badate bene che queste osservazioni sembrano populiste, ma non lo sono.

Io vorrei che qualcuno mi dicesse che pagare 4 medici e 2 infermiere per ore e ore di lavoro inutile non è uno spreco di soldi. Qualcuno ha il coraggio di dirmelo? No.

Io vorrei che qualcuno mi dicesse perché l’INPS non deve fidarsi della certificazione di una commissione medica pubblica, ma faccia le sue valutazioni in proprio scorrendo documenti, invece di visitare il paziente. Qualcuno può dirmelo? No.

 

Annunci

Informazioni su ogginientedinuovo

Quando una donna si sveglia, le montagne si muovono Proverbio cinese
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Soldi pubblici

  1. lullina76 ha detto:

    Sono queste le stramaledette cose su cui mi imbestialisco e mi marcisco il fegato…..e’ veramente inaccettabile questa situazione….l’ho provata pure io sulla mia pelle che ho il morbo di crohn e mi hanno dato il 35% di invalidita’ che praticamente non e’ niente….pur avendo avuto anche una resezione intestinale…..non gliene frega niente alla commissione….non ti ascoltano neppure….Io mi sono sentita veramente presa in giro!

    • ogginientedinuovo ha detto:

      E’ una presa in giro, di fatto! Trascinerò la mia mamma a fare gli accertamenti ulteriori richiesti da questi pseudo medici e, vedrai, alla fine l’accompagnamento non glielo daranno…
      Ho già avvisato i miei genitori che a quel punto manderò la commissione affanculo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...