Out of the box

Da buona italiana media, quando parto da casa per qualche giorno o per le vacanze, devo nascondere i gioielli. Gioielli, insomma… quelle tre cose che ogni italiana media possiede. Se avessi veri gioielli, avrei anche una cassetta di sicurezza…

Insomma, devo toglierli da dove eventuali ladri potrebbero trovarli anche bendati per la moscacieca e quest’anno ho dovuto rinunciare al solito “nascondiglio”, la cantina, perché da qualche mese i ladri qua stanno razziando proprio le cantine e i garage.

Queste tre cose da italiana media le tengo in una scatola da scarpe. Poco elegante? Sì, lo so, ma chennesò di dove si tengono i gioielli!

Giravo e giravo con ‘sta scatola in mano quando Tuttobene mi detto: – Ma piazzala un po’ dove vuoi! In questa casa c’è pieno di scatole: o i ladri le aprono tutte e fanno notte o c’è una probabilità bassissima che aprano proprio quella giusta!

Ha ragione. Cioé, è vero: abbiamo un numero si scatole spropositato. Ed è colpa mia.

Casa nostra, al 60%, è composta di scatole. Di scatole sugli scaffali e di scatole nei cassetti. Da cui discende che abbiamo tanti scaffali e tanti cassetti.

Le trovo comode, le scatole, però forse non è normale…

E mi sono messa a pensare quale motivo possa stare dietro (o dentro 😉 ) le scatole: perché inscatolo tutto? Perché sono mentalmente quadrata? Perché ho bisogno del senso di contenenza?  Perché l’ordine maniacale è mio fratello? Perché devo dividere et imperare? Perché devo nascondere?

Scatole di ogni genere, ma di preferenza, riciclate e soprattutto scatole da scarpe. Nella libreria in salotto, nella libreria in camera, sugli scaffali in cucina, sullo scaffale e sulle mensole in bagno, nei cassetti in cucina, in salotto, in camera, sugli scaffali nel ripostiglio, nelle camere dei ragazzi. In ogni dove.

Alcune le decoro con la carta da origami, oh yes!, altre le abbandono al loro destino come la scatola di latta del gorgonzola.

L’ultima arrivata? La scatola dei sandali de Il Cantastorie, adibita a contenitore per gli ex libris (La Filosofa ed io ce li siamo regalati a Venezia, da un’artigiana che lavora la carta e fa questi timbri) e alloggiata nella libreria.

Sapete il modo di dire inglese “To think out of the box”… beh temo che per me non sia agevolissimo 😉

Annunci

Informazioni su ogginientedinuovo

Quando una donna si sveglia, le montagne si muovono Proverbio cinese
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

18 risposte a Out of the box

  1. Nuzk ha detto:

    Buoncaffè 🙂 A casa mia, dopo che sono passati i ladri e hanno portato via quei pochi ricordi di una vita che erano in una scatolina, ho deciso che la spesa massima per degli orecchini sarebbe stata di 10 euro. Per quelli adesso non mi preoccupo più. A casa mia ci sono un po’ di scatole ma il resto è esploso in giro in modo creativo 😀

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Ladri sempre e ovunque… che palle!
      L’esplosione creativa è una cosa che mi attira tantissimo, nello foto di case che trovo qua e là, ma poi quando cerco di attuarla a casa mia, fa ridere: non c’è niente di spontaneo nel mio caos, si vede lontano un miglio che è pensato… Signùr!

  2. vagoneidiota ha detto:

    Ho sempre pensato che la gestione dei problemi possa darci una indicazione dei comportamenti nella vita reale.
    Sono certo che le scatole rappresentino quel che è il tuo modo di affrontare le preoccupazioni, i problemi, le difficoltà.
    Ricordo uno dei miei docenti quando, sorridente, disegnava fantasmi sparsi e spiegava che, a quelli, che erano i pensieri che ingurgitavamo ogni giorno, bisognava dare un nome ed una classificazione.
    – Perché, caro il mio vagone, solo l’identità, la connotazione e la classificazione può evitarci di morire d’ansia.
    Scatole che rappresentano lo specchio di una gestione interiore.
    Mi piace.
    Ed adesso, ma chère, un caffè.
    Goldrake – alessio caraturo

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Credo anch’io che la classificazione, genericamente, tenga a bada l’ansia. Nelle scatole, credo, divido per utilizzo, il che mi permette di trovare quando cerco, senza ansia appunto.
      E in più, forse, destabilizzo eventuali ladri 😉
      Un café, bien sur, mon ami!
      Buona giornata 🙂

  3. Ma Bohème ha detto:

    Scatole? Ho l’armadio pieno. Divido i vari capi d’abbigliamento al cambio stagione, quelli che posso non appendere. In studio divido carte e documenti, persino nello sgabuzzino uso le scatole da scarpe non solo per le scarpe appunto, ma per i prodotti per la casa, per attrezzi ma anche in questo caso suddivisi in base all’uso.
    Amo l’ordine anche se non maniacale, ma mi piace trovare tutto subito quando mi serve. Il disordine delle case fotografate sui giornali? Non mi piace affatto, è disordine costruito e tutto ciò che sa di finzione mi innervosisce.
    Da ultimo. I gioielli. Ne ho un po’. Divisi in contenitori, inoltre faccio collezione di orologi (ora sospesa per il costo …) anch’essi in un apposito contenitore. E sai che faccio? Mai nascosto nulla. Ho sempre lasciato tutto in vista. Se dovessero arrivare i ladri almeno non mi mettono a soqquadro la casa. Li agevolo 😀 Da anni adotto questo sistema e non mi è mai successo nulla.
    Fortuna, credo.
    Ora super caffè.
    Buona giornata! 🙂
    Primula

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Si va rafforzando l’idea che siamo gemelle separate alla nascita… 😉
      Dire che nascondo “i gioielli” è una parola grossa: li sposto in un posto meno ovvio… confidando molto nella fortuna, in realtà!
      Caffè e via, si parte 🙂
      Buona giornata!

  4. mia_euridice ha detto:

    Non preoccuparti.
    Sei solo una delle tante persone affette da “ordinite acuta”.
    Tanto non passa…

  5. Alice ha detto:

    Io invece sono una disordinata cronica. E’ proprio scritto nei miei geni! Ma nel mio disordine mi ci ritrovo.
    Anni fa mia sorella si è accorta subito che erano passati i ladri perché ha visto che avevano spostato qualcosa. Io non me ne sarei mai accorta. Anzi sono convinta che nel mio caso avrebbero potuto fare anche un po’ di ordine 😉
    Quanto alle scatole, credo che le mie siano scatole mentali. Per non cadere nell’ansia, devo contenere i pensieri e le cose da fare. Così mi metto tranquilla e confido di farcela (tanto per tornare sul senso di inadeguatezza sempre in agguato)

  6. sguardiepercorsi ha detto:

    Ti consiglio però di lasciare qualche gioiello di poco valore, un po’ di bigiotteria, a portata di ladri. Altrimenti -se hanno tempo- ti tirano giù tutte le scatole, spargendo sul pavimento il loro contenuto… 😦
    Per il resto, hai ragione: l’ordine contiene l’ansia. Programmare, avere tutto sotto controllo, è un modo per gestire l’ansia.
    Per me, anni di convivenza col mio ex marito prima e con l’attuale -entrambi disordinati, veri miei opposti psicologici- mi hanno allenata e resa un po’ più flessibile… Un pochino… 😉
    Belli gli origami!

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Sul comodino, in una scatola (!) trasparente dei Mon Cherì ci sono braccialetti e orecchini non d’oro che potrebbero interessare…
      Anche mio marito non è proprio un fulmine di ordine e anche per me è una bella palestra… 😉
      Consiglio vivamente la carta da origami per QUALSIASI uso, perché mette allegria, eventualmente anche ai ladri!
      Buona giornata Sguardiepercorsi!

  7. ione ha detto:

    non trovo molto saggio dire pubblicamente in un blog dove si nascondono i gioielli prima di una partenza! così come non si dovrebbe mai scrivere se uno parte e chiude casa, in giro e in rete ci sono ladri di ogni tipo.

  8. Russell1981 ha detto:

    Anch’io avevo la casa piena zeppa di scatole. Ma l’umidità ha fatto sì che loro assorbissero tutta la puzza, motivo per cui adesso ho virato su quelle in plastica.

    Russ

  9. Pingback: Effetti (o danni?) collaterali | ognigiornotuttigiorni

  10. Pingback: Dove si arriva riordinando? | ognigiornotuttigiorni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...