Prologo

Tanto per contestualizzare.

Finito il liceo, mi ero iscritta a Giurisprudenza, per assecondare idee altrui, ma fin da subito avevo capito che non sarei stata felice. Molti coetanei si iscrivevano a facoltà “utili” a farli diventare uomini e donne di successo, ma a me non interessava.

Il Professore, uomo saggio che ricordo ancora, una volta mi aveva detto che l’Università si sceglie per passione e con il cuore, non per convenienza, e poi il lavoro viene da sé. E io gli avevo creduto. Sentivo di aver tradito questo pensiero semplice e vero.

Il secondo anno mi iscrissi a Lingue, negoziando in famiglia frugalità di spese (per necessità, ovviamente) e compromessi sull’Università (pubblica, niente Cattolica né IULM…). Ma andava bene comunque, ero felice.

Cercavo di seguire l’istinto, come potevo, com’ero capace, ma sicuramente la mancanza di un mentore che mi mostrasse che la vita che vagheggiavo era possibile, l’importanza di scegliere bene e la necessità di essere ciò che volevo essere e non quello che altri si aspettavano, mi faceva perdere tanto tempo e disperdere tante energie preziose.

Mi mancava l’incoraggiamento a cercare strade, percorsi, futuro.

Ero inconsapevole, provinciale (di mente soprattutto, non solo geograficamente), incapace di sfruttare le opportunità e di creare futuro.

Alla fine del secondo anno, inaspettatamente, i miei genitori mi regalarono un mese di studio a Londra.

Per la prima volta, da sola, altrove, a cercare di costruire qualcosa.

[to be continued]

Informazioni su ogginientedinuovo

Quando una donna si sveglia, le montagne si muovono Proverbio cinese
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a Prologo

  1. vagoneidiota ha detto:

    Aspetta, aspetta.
    Mi siedo.
    Ti prego, continua.
    D’Angelo – one mo’gin

  2. Ma Bohème ha detto:

    Ehi, che bello! Ma inizia una sorta di biografia! Attendo Londra, tu spedita nella grande metropoli … ascolterò il racconto virtualmente seduta accanto a te sul divano sorseggiando un buon caffè caldo.
    Buona giornata! 🙂
    Primula

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Ah ah! Ma no, non è una biografia! Ho cercato di capire perché Londra mi attrae tanto da allora e l’ho fatto “in instalments” perché un unico post sarebbe stato lungo da far paura 😉
      A domani mattina, allora, sedute sul divano con il caffè di rito 🙂
      Buona giornata Primula!

  3. ogginientedinuovo ha detto:

    Vagoneidiota, ah ah ah! Ma no!
    Lasciami creare la suspence! Che già creare la suspence sul niente è difficilissimo 😉
    Buona giornata! 🙂

  4. Alice ha detto:

    Beh cara mia, ci sei proprio riuscita a creare la suspense! Allora aspetto di conoscere la TUA Londra.

  5. mia_euridice ha detto:

    “… l’Università si sceglie per passione e con il cuore, non per convenienza, e poi il lavoro viene da sé…”
    Esattamente ciò che penso anche io.
    Per questo ho scelto col cuore e senza alcuna convenienza: ho fatto Lettere!

  6. Harrison Fiat ha detto:

    continua continua che mi fai morire….:)

  7. Maurizio Vagnozzi ha detto:

    Questa promette di essere una swinging ognigiornotuttiigiorni: mi prendo una pinta di birra (visto il vantaggio di fuso orario) e aspetto il proseguio …

  8. Russell1981 ha detto:

    Ottimo prologo. Aspetto la continuazione 😉

  9. Pingback: Londra, la prima volta | ognigiornotuttigiorni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...