L’autunno è tante cose

In autunno è sempre difficile farla passare perché al cambio di stagione i disturbi si acuiscono. La dermatite è uno di quei disturbi che vanno e vengono seguendo l’onda di mille e uno fattori, non ultimo l’autunno.

E non passa. Sembra che… invece esplode di nuovo seguendo tracce, di dentro e di fuori, invisibili e illogiche. Sembra che… invece ritorna a ricordami che che ho un dentro e un fuori e che a volte il dentro è il fuori e il fuori è il dentro. Sembra che… invece si fa sentire, ostinata e invadente, per sbeffeggiare la mia presunzione di saggezza.

Ci convivo da più di vent’anni, ma ogni volta che la sento arrivare e poi la vedo nello specchio mi sorprendo senza ragione. Mi sorprendo di vedere il volto dell’ansia.

Posso guardare in faccia il mio spirito, capire che non sta bene, che vuole qualcosa, che ha bisogno di riposo o di accudimento. Posso guardare di me stessa quello che normalmente si sente, ma non si vede.

L’autunno è una cartina di tornasole. Mi ricorda di quanto io abbia bisogno di stare attenta a quello che mi succede, di quanto io debba rielaborare quello che mi succede, di quanto io debba lavorare su di me per me.

 

Informazioni su ogginientedinuovo

Quando una donna si sveglia, le montagne si muovono Proverbio cinese
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

13 risposte a L’autunno è tante cose

  1. vagoneidiota ha detto:

    Mi piace questa attenzione a quel che viviamo e poi inglobiamo, per poi dimenticare.
    Portiamo dentro il mondo dei giorni passati, fantasmi che assumono forme dinnanzi allo specchio urlando “ehi! Ehi, diciamo a te! siamo qui. Ne vogliamo parlare?”.
    Ma la consapevolezza aiuta.
    Café pour toi, ma chère.
    So gone – jill scott feat. Paul wall

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Mi sorprende sempre quanto il nostro corpo riesca a comunicare con la nostra mente! Guardarsi allo specchio e vedere che cosa succede dentro… per poi regolarsi, eventualmente 🙂
      Oui, café, merci mon ami 🙂
      Buona giornata, vagone!

  2. L’autunno è come la primavera per certe tipologie di malattie. Niente di nuovo sotto il sole, io mi sto curando da una settimana per la mia antica gastrite. O ernia iatale? Non lo so, e non voglio fare la gastroscopia per saperlo. Faccio la mia cura solita per un paio di mesi, poi sino a primavera non se ne parla più. vado avanti così da anni e oramai ci convivo. Se una persona è più stressata e corre troppo si acutizza maggiormente. Dovresti staccare da tutto, blog compresi. Anzi! Micorreggo cara ottobrina, dovremmo. Ma sono nota per predicare bene e razzolare malino, quindi non preoccuparti, l’autunno passerà, la tua dermatite stagionale anche. Io non dovrei bere il mio caffè ad. es. ma come faccio? faby.

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Già: come si fa?!
      Cerchiamo di comporre il puzzle giorno per giorno, tenendo a bada i sintomi e, sapendo da dove discendono, forse riusciamo giorno per giorno a cambiare piccole cose, dettagli per stare meglio.
      Passa una bellissima giornata 🙂

      • Dovrei capire Ottobrina che se il caffè e le sigarette mi accentuano il ma ldi stomaco non ne devo fare uso. Ho 50 anni perbacco, qualcosina dovrò pur aver imparato perbacco! Per le sigarette smisi dieci anni fa quando ero incinta di A., e mai più ripresi. Per i caffè da tre al giorno, sono scesa a uno, vino e birra che adoravo? Non se ne parla più, solo un bicchiere uno nel week end. Dolci zero per la linea ed il gonfiore, latte e latticini zero da anni per l’intolleranza, certi cibi sono come veleni. l’amore che fa perdere il senno ed il sonno anche. Insomma amica mia cara, che cosa ci è rimasto? Il vintage ed i mercatini? I blog ed i post? L’Ikea e le mostre di quadri? Una giro alla fiera del Paese? Tutto è bello tutto fa schifo, dipende sempre e solo da come lo affrontiamo. Posso permettermi di darti un piccolo consiglio?

  3. ogginientedinuovo ha detto:

    gattolona pasticciona, sì che puoi!

  4. Alice ha detto:

    Mi dispiace che tu stia male. Sono anch’io una che somatizza. E forse non è un male, ovviamente entro certi limiti. E’ una valvola di sfogo. Attraverso le reazioni del nostro corpo si palesano i nostri pensieri. E’ come dare un volto alla nostra anima.

  5. domenicomortellaro ha detto:

    L’autunno è quella detestabile stagione di bilanci. E’ la ripresa dopo l’estate. E’ la cicala che muore tra le risa paternalistiche della formica… E’ triste. Perchè di primavere ce n’è quanti di autunni… ma crederci ogni volta appare difficile!

    • ogginientedinuovo ha detto:

      No! L’autunno è bello 😉 E’ quella stagione di passaggio con i contorni sfumati in cui tutto è possibile! L’autunno per me è l’inizio dell’anno. Si è più sensibili in autunno perché è la stagione del cambiamento e della meditazione.
      Grazie per essere qui 🙂

  6. paroledimaru ha detto:

    Ode alla dermatite. Come fare a non amare i tuoi scritti? Buonanotte amica mia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...