Che cosa serve, alla fine?

Intorno al mio tavolo, apparecchiato con una tovaglia a quadri rossi come nelle vecchie trattorie, amici e una pasta fatta in casa, chiacchiere e ricordi, risate serene e tempo rilassato, regali esotici e ipotesi di futuro.

La semplicità di ore che passano senza sforzo e l’idea che essere amici non dipende né dal tempo né dallo spazio, ma da quanto facile possa essere sedersi intorno ad un tavolo a condividere pezzetti di vita.

Non mi serve molto, alla fine: un tavolo, mio marito, i miei figli, due amici.

 

 

Annunci

Informazioni su ogginientedinuovo

Quando una donna si sveglia, le montagne si muovono Proverbio cinese
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

19 risposte a Che cosa serve, alla fine?

  1. ergatto ha detto:

    dici niente ?????

  2. mia_euridice ha detto:

    No, non serve altro.

  3. vagoneidiota ha detto:

    Rammento le letture di un uomo che chiedeva ai suoi di parlare semplice, di essere semplici, perché nelle cose semplici si ritrovavano le anime.
    Un uomo che ho letto attraverso i secoli e che mi ricorda la tua tovaglia a quadri, in un simposio semplice e delicato.
    Certo. Poi lui faceva il figo, più egocentrico che mai, ed ha deciso di morire con la sua cicuta.
    Ma questa è un’altra storia.

    La tua serenità mi rende sereno.
    Café pour toi. Musique pour moi.
    All i’m sayin’ (original mix) – allovers feat. Lisa shaw

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Niente cicuta, ma caffè perché la semplicità sia una festa 🙂
      Dovremmo rileggerlo, quel tuo amico datato, e recuperare i suoi insegnamenti, alcuni magari. Si fa tanta strada e ci si aggroviglia a volte, poi bisogna tornare indietro a disfare i nodi.
      Buona giornata, vagone 🙂

  4. Ma Bohème ha detto:

    Le pennellate con cui hai dipinto il tuo quadro stamattina sono davvero un regalo di tranquillità. Grazie!
    Questi sono momenti preziosi, quelli che ti restano dentro perché sono l’essenza della nostra vita. Quella vera.
    Un abbraccio 🙂
    Primula

  5. massimolegnani ha detto:

    ma assemblare questi quattro elementi, tavolo, marito, figli, amici e coagularli nell’atmosfera e negli umori giusti non è poi così facile. Per questo quando capita risulta così gratificante 🙂
    ml

  6. Maurizio Vagnozzi ha detto:

    C’è tutto quello che serve per un bel momento di bella vita!

    Ah … pare che uno dei due amici si sia mangiato la focaccia, la coppa e il salame in solitaria alle 4 del mattino successivo ….

  7. Alice ha detto:

    Basta così poco a chi sa apprezzare e si rende conto che il poco può essere tanto, mentre il “tanto” spesso non ha valore: un orpello del niente.

  8. paroledimaru ha detto:

    Bè comunque un marito, due figli e due amici mica è roba semplice…. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...