Top Ten

Nel 2014 ho letto 27 libri, due al mese, grossomodo. Non è un gran risultato in valore assoluto, ma sono contenta perché è stata un’attività regolare, magari lenta, ma regolare.

Tra questi 27 libri, di seguito, indico i 10 che mi sono maggiormente piaciuti, così… nel caso in cui steste perdendo il sonno non sapendolo 😉

  1. Il desiderio di essere come tutti – F. Piccolo
  2. E poi, Paulette… – B. Constantine
  3. Il trentesimo anno – I. Bachmann
  4. La vita davanti a sé – R. Gary
  5. La storia dell’amore – N. Krauss
  6. Il tempo invecchia in fretta – A. Tabucchi
  7. – 10. La serie con Flavia De Luce protagonista – A. Bradley

3 donne e 4 uomini; 2 francesi, 2 italiani, 1 austriaca, 1 canadese, 1 americana; 1 serie di gialli; il tempo protagonista che attraversa tutta la classifica: avete notato? Tempo dentro e fuori, tempo soggettivo e oggettivo, tempo che corre che si ferma che ritorna. La vecchiaia e la giovinezza, che si fondono, che si cercano e si rincorrono, che hanno bisogno l’una dell’altra per darsi un senso.

Guardo indietro e vedo fili rossi che si sono rincorsi per tutto il 2014: (oggi)nientedinuovo!

Informazioni su ogginientedinuovo

Quando una donna si sveglia, le montagne si muovono Proverbio cinese
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

10 risposte a Top Ten

  1. vagoneidiota ha detto:

    Il tempo. Maledetto gioioso tiranno.
    Salgo per il caffè.
    Lancia la treccia, va.
    Come & Play (John Lundun Exotic Remix) di Kojo Akusa Ft Lesego

  2. 'povna ha detto:

    Mi piacciono tutti, tranne Piccolo, che non è che in assoluto non mi piaccia, ma trovo sopravvalutato. Su Bradley mi sentirei quasi di averci uno zampino…!

    • ogginientedinuovo ha detto:

      😉 hai uno zampino in più d’una scelta! Ho desiderio d’imparare e dunque mi affido a chi sa e lo zampino ce lo può mettere con criterio…
      Forse hai ragione su Piccolo. Quello che ho trovato nei suoi libri che ho letto, e soprattutto in quello citato, è la capacità di raccontare il tratto comune, the ordinary, della vita con lievità e partecipazione, tanto da essere al pari del lettore, uno di noi, senza voler far passare concetti dall’alto in basso. E però alcuni concetti me li ha chiariti. Con semplicità.
      Sappi che il tuo zampino lo troverai anche nel prossimo libro di cui racconterò 🙂

  3. Sonia Esse ha detto:

    Curiosa questa tua analisi 🙂

      • Sonia Esse ha detto:

        Io non ci avevo pensato, mi sono bastati i ‘folletti di wordpress’ e le mie categorie personali (ho creato anche gli anni). Così è più fine e riflessivo…

      • ogginientedinuovo ha detto:

        Più che altro è più da una che WordPress lo usa a casaccio e non lo conosce 😉
        Io tengo un quadernetto con segnati i libri che leggo e dunque mi piace, a fine anno, dare una scorsa e ricordare le storie. Così, guardandole tutte insieme, si dispongono naturalmente da sé per “ordine” di apprezzamento; a volte, sedimentando, alcune storie cambiano dentro di me: qualcosa che sul momento mi era piaciuto, magari alla fine non mi è più tanto caro. A volte capisco anche cose che appena lette non mi erano chiare.
        Ma non sono pericolosa 😀
        Grazie per essere qui, Sonia esse!

      • Sonia Esse ha detto:

        eheheh. figurati!!
        Magai passando da me ti fai un idea di come sono, librescamente parlando!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...