#ioleggoperché 1 di 10

Ha inziato Oglaroon mettendo sul suo blog i post-it delle “sue” citazioni; poi Nemoinslumberland ne ha tratto un gioco.

L’iniziativa è di quelle belle, solari, importanti, coinvolgenti, utili, allegre, personalizzabili,

ioleggoperche

Io leggo. Secondo Il Sole 24 Ore sono addirittura un lettore forte, ossia leggo più di 12 libri in un anno. Perché leggo? Leggo perché nei libri trovo le mie strade, le mie risposte. Non potrei non farlo.

Dunque mi unisco al percorso: da qui al 23 aprile, una citazione da un libro che mi è caro, ogni domenica

1#di10#ioleggoperché

Buon divertimento 🙂

Annunci

Informazioni su ogginientedinuovo

Quando una donna si sveglia, le montagne si muovono Proverbio cinese
Questa voce è stata pubblicata in #ioleggoperché e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a #ioleggoperché 1 di 10

  1. mia_euridice ha detto:

    Allora io sono una lettrice “fortissima”!
    Ne ho letto un po’ in giro.
    Sembra divertente.
    Spero sia davvero utile.

    • ogginientedinuovo ha detto:

      In effetti 12 libri/anno per essere considerati lettori forti è un’asticella bassa… tanto bassa che rientro pure io 😉
      E’ un’iniziativa davvero bella perché dà il tempo e il modo di parlare dei libri e del leggere: la giornata del libro, sola, è più celebrativa. Un periodo lungo in cui si mettono la lettura e i suoi perché al centro della scena, può essere invece foriera di un qualche risultato.

  2. 'povna ha detto:

    12 libri l’anno, come raccontavo oggi su Slumberland, li leggono i miei alunni normalmente. Il che significa, se il 60% degli italiani legge 0 libri all’anno, che la scuola lavora male. Molto male.
    Grazie mille per la partecipazione: sono molto d’accordo con te, parlare di una cosa la rende viva, e dunque ‘funzionante’. 🙂

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Non tutta la scuola lavora allo stesso modo: tu fai amare la lettura ai tuoi alunni…
      Nella mia esperienza, a campione molto ridotto, devo dire che la scuola è stata ininfluente: io, mio marito e i miei figli, leggiamo perché ci siamo arrivati indipendentemente dai nostri maestri/professori…
      Comunque, o proprio per questo, parlare non solo di libri, ma del leggere è fondamentale: mostrarsi a leggere, parlare di ciò che si legge, del perché, del come e del quando è un modo per incuriosire gli altri 🙂

  3. Pingback: Dire, fare, baciare, leggere… – #ioleggoperché | ognigiornotuttigiorni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...