#ioleggoperché 6 di 10

cit_6

#ioleggoperché

Eccoci ancora con Cita-un-libro! L’ottima vittoria, questa settimana, è andata a Gaberricci e al suo Buio oltre la siepe, che fa sempre bene al cuore.

Gaberricci ha scelto come tema storie.

Non so se rientra in storie il mio Zeno, ma spero di sì: perché il dottore dice al paziente: – Scrivi! Scrivi!

E Svevo racconta di un malato che racconta la sua vita al medico, ma soprattutto a se stesso; e il medico la racconta a noi; e Svevo racconta di sé; e Trieste racconta di sé. Storie, intrecciate, essenziali le une alle altre. Credo.

Comunque sia, buon divertimento 🙂

Annunci

Informazioni su ogginientedinuovo

Quando una donna si sveglia, le montagne si muovono Proverbio cinese
Questa voce è stata pubblicata in #ioleggoperché e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a #ioleggoperché 6 di 10

  1. connie ha detto:

    La coscienza di Zeno mi manca!

    • ogginientedinuovo ha detto:

      E’ un libro che ho amato molto!
      Con questo gioco sto riprendendo in mano quei libri che hanno avuto un significato nel corso degli anni: mi sto divertendo assai 🙂
      Grazie per essere qui!

  2. 'povna ha detto:

    Tutto (a parte qualche eccezione di genere) rientra in storie. Di certo vi rientra questo romanzo, che ha il pregio di ricordarci l’importanza del racconto psicoanalitico e anche del lapsus come sintomo, in analisi ma anche in letteratura. Bellissima, grazie!

  3. ildiariodimurasaki ha detto:

    Verità e bugie mescolate insieme. E quanto è fiducioso, il medico, di riuscire ad individuare le une e le altre! 🙂

  4. Aliceland ha detto:

    Non leggo questo libro dai tempi della scuola, ma mi ricordo che mi era piaciuto 😊

  5. iomemestessa ha detto:

    Da rileggere. Zeno e le sue nevrosi. Ada Alberta e Augusta. Da rileggere senz’altro

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Grazie a questo gioco, non solo mi lascio attrarre da titoli nuovi per me, ma anche mi lascio attirare dal desiderio di rileggere quello che è stato significante negli anni passati. Ché si scopre sempre qualcosa di nuovo, si capisce sempre qualcosa in più.
      Le storie hanno questo potere: mutare nel tempo e nello spazio amalgamandosi con chi legge, nel momento in cui legge 🙂

  6. Pingback: #ioleggoperché (Ventinove marzo) | Suprasaturalanx

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...