Ci sto stretta

Mi stringe. L’anello mi stringe il dito. La collanina mi stringe il collo. Mi infastidiscono. I pantaloni mi fasciano, li sento, mi muovo come a volermi sfilare dalla stretta.

Mi stringe la sciarpina, mi stringono le scarpe, mi stringe la cintura, mi infastidice tutto.

Mi stringe la casa, devo aprire le finestre.

Mi stringe il cielo blu, è diventato piccolo, gli alberi verdi che si muovono assecondando il vento leggero mi stringono.

I palazzi anonimi, senza bellezza, i negozi carichi di roba, senza vita, mi stringe tutto. La città mi stringe, mi fa girare la testa, mi ruba l’aria.

Mi stringe la vita che s’è fatta piccola.

Non mi va più bene niente. E’ tutto stretto, è tutto piccolo, soffoca.

La libertà va difesa. La libertà non stringe.

Bisogna ricordare che cos’è la libertà, cercarla, scovarla, ghermirla, tirarla a sé, volerla.

Non smettere di accorgersi che manca l’aria, non abituarsi a soffocare nel piccolo.

Tolgo l’anello, tolgo la collanina, tolgo la sciarpina, i pantaloni, le scarpe, la cintura.

Aria. Orizzonte. Il cielo e gli alberi devono tornare a non stringere.

Annunci

Informazioni su ogginientedinuovo

Quando una donna si sveglia, le montagne si muovono Proverbio cinese
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

12 risposte a Ci sto stretta

  1. Fabiana Schianchi ha detto:

    Comprendo perfettamente lo stato d’animo. Io anche se rimango nuda completamente, e nel corpo e nell’anima, nuda di pensieri e di emozioni avverto sempre un filo invisibile che vuole strangolarmi. E’ all’altezza dello stomaco e i respiri si fanno corti e pesanti, l’inizio di oggi non aiuta di certo il morale. Speriamo in giorni di sole e di stare all’aria aperta! Un augurio di ritrovare il tuo centro di leggerezza e di libertà. Un sorriso, Fabiana.

  2. Ma Bohème ha detto:

    Dai! Vedrai che le dita, loro, si assottiglieranno e l’anello tornerà perfetto se non addirittura largo. Scelgo questa metafora per tutto il resto.
    Ti abbraccio forte 😘
    Primula

  3. mia_euridice ha detto:

    Le cose strette o troppo piccole vanno tolte, messe via o eliminate del tutto.
    Magari si possono regalare a chi ha misure più adatte!

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Eliminare o modificare ciò che non si addice: bisogna trovare la via, il mezzo, ma il fine è quello 🙂
      E’ che volte l’anello sembra stretto solo perché è il dito che è largo… metaforicamente parlando…

  4. massimolegnani ha detto:

    Condivido, fuor di metafora. Anche questo e’ un inno al 25.
    ml

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Sì! Perché a parlar di libertà ho sentito il sapore del grande che non ci sta nel piccolo.
      E certi giorni anche questa città, anche questo Paese, mi sembrano angusti.
      Fuor di metafora, carissimo 🙂

  5. Maurizio Vagnozzi ha detto:

    Occhio che la libertá da assuefazione …..

  6. Per essere liberi a volte bisogna gettar via un po’ di zavorra… che spesso corrisponde, in primo luogo, a impegni e cose che accettiamo e che non ci corrispondono, non sono coerenti con quello che davvero vogliamo e in cui crediamo. L’esterno ci condiziona, sì, ma nella misura in cui glielo lasciamo fare (nela mia esperienza).

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Sono d’accordo!
      Purtroppo, ci sono, a volte, condizioni esterne che non possiamo ignorare: sarebbe utile riuscire a trovare un modo per lasciare che il grande viva anche se costretto nel piccolo… fin’ora non ci sono ancora riuscita, però 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...