Di regali, modernità e Brad Pitt

Ci sono cose che non faccio, che non ho mai fatto, che non faccio più. Alcune come essere umano, altre come donna.

Come donna, per esempio, non uso (più) i tacchi, non frequento profumerie né vie di negozi, non mi piace Brad Pitt, non so cucinare, non leggo riviste, non metto il rossetto, non sto a dieta.

Grossolanamente e ironicamente, posso dire di stare un po’ ai margini della genderizzazione sociale: in alcuni contesti sono un po’ aliena e ho pochi argomenti di conversazione.

Dormo bene, in ogni caso.

Comunque, quando devo comprare un regalo per un’amica mi trovo un po’ spiazzata laddove sorga la necessità di scegliere un qualcosa che si adatti ovviamente non ai miei gusti, ma a quelli dell’amica, donna con gusti da donna, giustamente.

E allora la modernità mi viene in aiuto: entro in una profumeria famosa, una di quelle che si trovano in tutto il mondo e cerco una gift card!

E lo so!

Però.

Appena varcata la porta, sono già ubriaca dell’odore opprimente dell’alcool dei profumi; sono accecata dalle luci abbacinanti che tendono ad appiattirmi i pensieri; sono rimbambita dalla musica a tutti i costi; sono fisicamente nauseata dalla quantità di mercanzia che vedo intorno; semplicemente, non sono in grado.

Sopravvivo al personale, truccato profumato pettinato, che mi sembra adolescente e che, nonostante sia appena uscito dall’asilo, snocciola con superiorità proposte di acquisto dai nomi stranieri e per me senza senso.

Dieci minuti al massimo. Poi guadagno l’uscita.

E sapete che cosa c’è proprio di fronte alla famosa profumeria che si trova in tutto il mondo?

La pasticceria forse più famosa della città. La si trova solo qui, il resto del mondo non sa nemmeno che esiste.

Non c’è neanche bisogno che il mio cervello lo pensi di attraversare la strada, le mie gambe l’hanno già fatto.

Luci normali, brusio di voci, profumo di caffè e di pasticcini, tavolini con tovaglie immacolate e poltroncine invitanti.

Un caffè e due cannoncini allo zabaione, grazie.

Tanto Brad Pitt non mi piace e anche se ingrasso un pochino…

Nella prossima vita potrei provare a cambiare qualcosa…

 

Informazioni su ogginientedinuovo

Quando una donna si sveglia, le montagne si muovono Proverbio cinese
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Di regali, modernità e Brad Pitt

  1. Fabiana ha detto:

    Ma no rimani così che sei vera! Anche a me le luci ed il frastuono dei negozi destabilizzano molto. Credo sia fatto ad hoc per rimbambire la gente ed indurla a comprare anche se non ce n’è bisogno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...