I 5 sensi

Questa cosa, che il contatto umano è un lusso, mi ha fatta pensare: voglio dire, è piuttosto scioccante arrivare a considerare l’interazione umana un lusso!

Eppur si muove…

Se ci penso è proprio tutto un sistema basato sull’umano, sui 5 sensi a perdere colpi: ascoltiamo la musica dalle casse del computer o dallo smartphone, ma insomma gli impianti Hi-Fi erano meglio; compriamo vestiti fast fashion tagliati male, cuciti alla bell’e meglio e confezionati con stoffe terribilmente scadenti che non dà nessun piacere toccare; mangiamo frutta e verdura quasi insapori; odoriamo profumi pieni di alcool e rose che non profumano di niente; guardiamo tante immagini filtrate, ritoccate e non sappiamo più vedere i colori.

I nostri sensi non fanno esercizio, si disabituano, perdono le loro abilità. Poterli affinare è un lusso.

I 5 sensi che possono bearsi del loro mestiere, sono un lusso…

E ancora, anche in questo caso, i più poveri subiscono maggiormente.

Chi è più ricco può permettersi di mangiare cibi genuini e saporiti, bere vini di alta qualità, ascoltare musica in una sala da concerto, acquistare vestiti confezionati con stoffe pregiate, profumi artigianali. Può andare sull’Himalaya e vedere i suoi colori reali, le sue proporzioni, dal vivo.

I nostri sensi incontrano la bellezza sempre più raramente, che sia una persona che ci sorride, il profumo inebriante di una rosa coltivata con amore in un giradino, un medico che ci ascolta con attenzione, le pennellate di un quadro, il sapore di un formaggio stagionato in fossa, di un vino passato in botte o Albinoni suonato in una sala con l’acustica perfetta.

La bellezza è un altro lusso che scava un divario profondo tra i ricchi e i poveri.

È inquietante.

Informazioni su ogginientedinuovo

Quando una donna si sveglia, le montagne si muovono Proverbio cinese
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri. Contrassegna il permalink.

4 risposte a I 5 sensi

  1. massimolegnani ha detto:

    la bellezza più che un lusso è una piccola fatica.
    per trovarla occorre uscire dal gregge, guardare, annusare, sentire con i propri sensi e non con i canoni preconfezionati elargiti alla massa.
    allora puoi catturare la bellezza anche in un papavero che nasce dall’asfalto.
    ml

    • ogginientedinuovo ha detto:

      È tutto fatto per la massa, facile da digerire. La bellezza, come dici tu, è una piccola fatica.
      Peccato!
      La facilità, l’economicità, la massificazione ci fanno davvero perdere il sapore della vita.

  2. miaeuridice ha detto:

    La bellezza ha bisogno di educazione alla bellezza.
    Ed è ciò che stiamo perdendo.

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Sì, un’educazione faticosa.
      Ricordo quando ero bambina, mia madre, che ricca non è mai stata, toccare le stoffe e sapere con sicurezza quale era bella e quale no… Era normale, per tutti, riconoscere la bellezza.
      Ora è faticoso, come dice massimolegnani.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...