Treni

treni

Ho iniziato a prendere treni a 19 anni, quando ho iniziato l’università. Fin da subito li ho amati, così com’erano, sporchi e in ritardo, sovraffollati e puzzolenti.

I rumori della stazione e dei treni che partono arrivano e sfrecciano senza fermarsi, gli odori dei binari del ferro, il lavoro sulle rotaie lungo le linee. Tutto mi piace.

E mi piace il fischio del capotreno che annuncia la chiusura delle porte e la partenza, mi piace il mondo veloce fuori dal finestrino, quella sorta di promiscuità di estranei compressi in un metro quadrato a sentirsi osservarsi e parlarsi.

Mi piace andare lentamente da un posto all’altro, arrivare ed essere già nel centro della città.

Ma senza alta velocità, che percarità è tanto comoda, solo treni che viaggiano a quella velocità umana cui gli occhi sul paesaggio riescono a tener dietro, quelli i cui rumori cullano quando ci si siede e si apre un libro o si appoggia la testa e si pensa, si sogna.

Informazioni su ogginientedinuovo

Quando una donna si sveglia, le montagne si muovono Proverbio cinese
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Treni

  1. miaeuridice ha detto:

    Anche a me piace il treno, anche se l’ho scoperto molto tardi per via di fidanzati che vivono a distanza.

  2. massimolegnani ha detto:

    la velocità umana dei treni…c’è tutto un mondo in questa frase
    ml

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...