Muffin alle cipolle

Non cerco giustificazioni, percarità!, però vorrei che le mie difficoltà venissero comprese.

Ieri pomeriggio ho deciso di preparare dei muffin alle cipolle per cena (la ricetta l’ho trovata in rete, ma non ricordo dove): è una ricetta semplice, gustosa e veloce.

Adesso fate un esperimento: mettetevi nei miei panni e provate a prepararli nelle stesse mie condizioni.

Trito le cipolle e le metto a rosolare con un po’ d’olio e di sale a fuoco vivo… suonano alla porta – il sig. C. [caposcala] vuole che apra il rubinetto del lavello in cucina per verificare lo scarico – sento sfrigolare le cipolle insistentemente – mollo il sig. C. che sbraita dal balcone agli uomini dell’autospurgo e abbasso il fuoco – il caposcala inveisce contro la signora del primo piano e contro il costruttore – le cipolle nella padella gridano – aggiungo un filo d’acqua non appena chiudo la porta alle spalle del sig. C. – metto il coperchio (non al caposcala, anche se…) e lascio andare per 20 min.

Tolgo di mezzo il casino che mio marito ha lasciato ieri sera dopo aver fatto la marmellata di limoni e spengo il fuoco sotto alle cipolle – arriva il Cantastorie che non ha capito la consegna di un esercizio sulle frazioni – torno a leggere la ricetta e inizio a pesare gli ingredienti,  lavoro insieme 2 uova e lo yogurt greco, aggiungo l’olio – arriva un messaggio al cellulare: la prof. di arpa non può fare lezione oggi perché ha due figli che non capiscono un ca##o (sic) – rispondo che non c’è problema – torno alla bilancia – dov’ero rimasta? – setaccio insieme la farina e il lievito secco e li aggiungo al composto – il Cantastorie ha proprio proprio un problema a trovare una frazione equivalente a 21/42: gli rispiego il meccanismo (che peraltro non so neanch’io perché semplifico automaticamente da 36 anni, che cosa volete che mi ricordi le proprietà invariantive del put?) – dov’ero rimasta? – ma il sale e il pepe al composto li ho già aggiunti? ehm… non so, forse sì… facciamo di sì, sennò poi rischia di essere tutto salatissimo… – unisco il parmigiano… ‘zzo non ce l’ho già grattugiato, vabbé metto cubetti di taleggio – arriva un altro messaggio della prof. di arpa che si scusa e fissa una nuova lezione per venerdì – verifico se venerdì pomeriggio abbiamo già impegni e rispondo che è OK – guardo la ciotola e faccio mente locale.

Devo dividere in due il composto perché i ragazzi non mangiano le cipolle – la Filosofa entra in cucina commentando l’ultimo manga che si è comprata su Ebay e inizia a fare merenda, facendosi spazio sul tavolo ingombro – mi concentro: in una metà del composto metto le cipolle che non sono neanche troppo bruciacchiate, nell’altra metà aggiungo ulteriori cubetti di taleggio, così per simpatia – il Cantastorie mi comunica che i bigliettini per il regalo per la Festa del Papà li ha dettati la maestra e a lui alcuni non piacciono – prendo i pirottini, ah no… prima devo accendere il forno – il Cantastorie mi chiede dei fogli colorati per rifare alcuni bigliettini – divido il composto in 12 pirottini (la divisione come distribuzione non mi riesce benissimo…) e apro il forno – il Cantastorie mi chiede se Clarabella ne I 3 Moschettieri Disney è l’equivalente di Milady  – chiudo il forno senza mettere la teglia con i pirottini – io gli chiedo se gli sembro il vecchio Walt per poter sapere una cosa del genere… – allora la Filosofa arriva e mi chiede perché gli zaini si misurano in litri – io le chiedo se le sembra che io assomigli a Messner per sapere una cosa del genere.

Ma la teglia è già in forno? Boh! Ah, no devo metterla… Riapro il forno, inserisco la teglia – arriva un nuovo messaggio della prof. di arpa che mi comunica che non tutti i figli sono tdc, ma i suoi sì… – e io non ho guardato l’orario: come faccio a calcorare 20 min. di cottura? A occhio, la teglia l’ho messa 5 minuti prima, forse.

Avete provato? I vostri muffin sono venuti bene? Bravi!

Secondo me la Nigella lavora in altre condizioni. Non cerco giustificazioni, sia chiaro.

Annunci

Informazioni su ogginientedinuovo

Quando una donna si sveglia, le montagne si muovono Proverbio cinese
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Muffin alle cipolle

  1. gattolona pasticciona ha detto:

    ………poi non venirmi a dire che le Dirigenti di Famiglia si annoiano o sono frustrate! Almeno hai avuto un pomeriggio movimentato, sul fatto di provare a farli, andrò a consultare un libro di ricette: Senza offesa naturalmente! Non vorrei che l’Espurgo mi butti dentro un pò di scorie varie, cos’ tanto per farli lievitare! un abbraccione, Faby.

  2. Maurizio Vagnozzi ha detto:

    ma alla fine come son venuti i Muffin-concitati-alla-cipolla?

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Buoni! E, se nessuno continua a parlarti mentre pesi e leggi, sono anche facili e veloci da fare. Io non sono multitasking: non riesco a parlare di Paperino e pesare la farina correttamente e capire il nesso tra una lezione mancata e dei figli tdc, ‘gnafò 😉

  3. Primula ha detto:

    Ahah!! MI sono divertita un sacco leggendo … forse tu un po’ meno lavorando in quel caos … però dai! l’importante è il risultato.
    Brava! Sia per i muffin che per il post 🙂
    Primula
    p.s. constato che in casa tua la noia è un optional … Un abbraccio. 🙂

    • ogginientedinuovo ha detto:

      Non so se mi sono divertita: in questi casi cerco disperatamente di concentrarmi, mediamente non ci riesco, mi innervosisco, entro in una spirale di autodistruzione e… boom 😉 Dovrei invece prenderla a ridere…
      Un abbraccio a te, cara!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...